Encry: fusione d’istinti

ENCRY: UNA SCOMMESSA VINTA!

E’ solo dal 2007 che Enrico e Nadia hanno cominciato un lungo percorso nel mondo dello Champagne. Eppure, forse non a detta di tutti e fra tanti ostacoli, hanno raggiunto in brevissimo tempo qualità e una miriade di riconoscimenti.
Encry è la fusione tra l’istinto di un progetto con l’emozione che si vive nel vederlo realizzato, una storia nata in pochissimi ettari di vigneto, situati nel villaggio a Le Mesnil Sur Oger, nel cuore della Côte de Blancs e qualificato al 100% nella classifica dei Cru e uno dei soli 17 Grand Cru Champenois.

Un coraggio a quattro mani, quello di Enrico e Nadia che nutrono un amore sviscerato verso lo Champagne e il vino in genere. Un’ambizione realizzata grazie ad una tenacia tutta italiana, che è riuscita a conquistare anche i più scettici. Nel perlage di Encry possiamo ritrovare l’emozione di chi, sapientemente, si è impegnato con costanza per il successo di un progetto difficile ed ambizioso, in continuo sviluppo.

“La passione ha il sopravvento ogni volta che scendo in cave a 30 mt. di profondità dove viene degorgiata una bottiglia a la volèe e il contenuto viene versato in un calice, regalando delle emozioni autentiche”, afferma Enrico, che insieme alla sua compagna ha sviluppato una creatività enologica alla base del successo dei loro vini unici, elaborati da un’équipe guidata da Jean Michel T. Chef de Cave e Vigneron.
L’aspirazione della Maison Vue Blanche Estelle è quella di continuare ad offrire ai professionisti del vino Champagne capaci di conquistare, sedurre e fidelizzare una clientela attenta, che cerca in “ENCRY” non soltanto il prestigio di una Grande Cuvée e di un marchio eccellente in gusto ed eleganza, ma anche la scoperta di piaceri rari e diversi. Ed è proprio in questa diversità che si delinea l’esigenza della Maison di dar vita a due nuove etichette.
Zero Dosage, uno Champagne assoluto, che rappresenta appieno tutto quello che la natura può offrire, che non presenta alcuna aggiunta di zuccheri e nasce dal desiderio di rispettare i tempi e le cadenze che la perfezione richiede.

Millesimato che, affinandosi in bottiglia per molti anni, riflette la volontà, quando le annate lo permettono, di lasciare che il tempo faccia il suo corso, per dare alla natura la possibilità di esprimersi al massimo.

Nella cave Veuve Blanche Estelle nasce quindi l’eleganza in bottiglia, con vini che si distinguono per una filosofia ispirata allo stile e al gusto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.