Il GAS fa la forza

Sono stati accusati di disturbare il mercato e di costituire una scelta pauperista… In realtà, rappresentano una “nuova economia”, fondata su una profonda critica al consumismo e sulla capacità di “far gruppo” in caso di necessità, che è una capacità tutta italiana. Ecco perché andar fieri dei nostri GAS.

Nel 1992 un gruppo di famiglie di Fidenza si organizza per acquistare insieme prodotti biologici e locali: è nato il primo GAS, ovvero, “Gruppo di Acquisto Solidale”. Cinque anni dopo, nel 1997, nasce la rete dei GAS italiani e oggi i GAS ufficiali sono almeno 700, senza contare tutta la piccola rete sommersa, e continuano a crescere del 40% ogni anno. La spinta di base che ne guida la creazione è la necessità di un cambiamento profondo nel nostro stile di vita, in direzione di un consumo più critico e più esigente in materia di qualità, eticità e equità. Una scelta di consumo che rispetti l’uomo e l’ambiente, secondo canoni di sostenibilità e solidarietà, che prediliga i produttori vicini (a “km Zero”) e che operi in maniera corretta e trasparente.

In estrema sintesi: “piccolo, locale e solidale” sono le parole d’ordine che risuonano dietro ad ogni GAS, il “dogma” inviolabile espresso nel “Documento Base dei GAS” del 1999. La critica va quindi al mondo della grande distribuzione e al sistema dei grossisti, che “strozzano” i produttori costringendoli a prezzi sempre più bassi e, quindi, a ridurre i costi di produzione, ovvero qualità della materia prima e salario della manodopera.

Non è dunque il risparmio la molla che spinge alla creazione di un GAS o, almeno, non inteso come risposta al carovita: l’attenzione al costo deve sottostare ad una serie di principi che rappresentino entrambe le parti in causa, il produttore e il consumatore, nel rispetto, da un lato, del lavoro e dei costi di produzione, dall’altro, della qualità e dell’effettivo valore del prodotto finale.

Un obiettivo che si raggiunge conoscendo di persona il produttore cui si decide di affidarsi, osservandolo e spesso addirittura guidandolo nella creazione di un prodotto che risponda alle richieste economiche, qualitative e produttive espresse dal GAS. Eliminando il problema dell’invenduto, riducendo i costi degli intermediari, degli spostamenti e di conseguenza degli imballaggi, il prezzo inevitabilmente scende.

Un sistema che fa bene a tutti, insomma: produttori, consumatori e ambiente. E allora, a chi può non piacere? Al mercato tradizionale, ovvio. Senza contare che, oltre al cibo, i GAS iniziano a far sentire la propria presenza anche in ambiti come quelli della telefonia e delle energie alternative. Il perché lo spiegano bene Giancarlo Marini e Michele Bernelli, autori de “L’altra spesa. Consumare come il mercato non vorrebbe”, il libro che racconta l’esperienza dei GAS e ne analizza i rischi e le prospettive di sviluppo.

Ma in che misura il mercato tradizionale può sentirsi effettivamente minacciato dai GAS? Per il momento, a cadere sono state soprattutto le teste del Made in China e della delocalizzazione, in favore di un Made in Italy di qualità; inoltre, ci sono stati casi in cui i GAS hanno persino contribuito a migliorare il panorama dei prodotti presenti nella grande distribuzione, spostando la domanda verso il biologico, l’ecosostenibile e la filiera corta. Ne è un esempio il caso dei pannolini biodegradabili della WIP di Arezzo, creati dai terzisti e che ora sono stati acquistati anche dal gruppo francese Carrefour.

Insomma, come affermano Marini e Bernelli, cambiare il mondo è possibile se si ragiona che “ogni acquisto equivale ad un voto”. E se vi siete convinti che partecipare a un gruppo o addirittura a fondarne uno tutto vostro sia la scelta giusta, ricordate che l’appartenenza ad un GAS ha anche i suoi doveri: in realtà, si tratta solo di un po’ di tempo da dedicare alle riunioni periodiche di acquisto e di riflessione, oltre all’impegno nella gestione della spesa e degli ordini. Insomma, nulla di più del tempo che dedichereste alla combattuta spesa del weekend al supermercato. Solo che qui sarà tutto più solidale.

www.retegas.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.